Investment Outlook 2022: affrontare le rapide

Dato che siamo in un’era di trasformazione, non sorprende che le dinamiche in rapido movimento del mercato del e gli sconvolgimenti economici del 2021 siano destinate a continuare nel 2022. Sebbene ci siano grandi aspettative che la pandemia possa finalmente essere superata, l’impatto di una maggiore inflazione, e le sue conseguenze per la ripresa economica globale, rendono, per i prossimi mesi, la navigazione dei mercati molto difficile.
Per aiutare ad affrontare queste rapide, esploriamo l’incertezza futura che caratterizzerà l’economia e studiamo come i mercati potrebbero reagire alla prossima fase della ripresa economica. Valutiamo inoltre se la sostenibilità continuerà a creare nuove opportunità e quali altri temi di investimento dovrebbero essere al centro dell’attenzione nel prossimo anno.
L’inflazione caratterizzerà anche il 2022 e oltre
Il riavvio di un’economia globale in stallo è un esercizio molto complicato. Le restrizioni Covid in corso hanno compresso l’offerta, mentre l’enorme stimolo fiscale e monetario ha aumentato la domanda. Di conseguenza, l’economia globale sta lottando costretta tra una domanda robusta e un canale di offerta ristretto. Il ripristino delle catene di approvvigionamento, la riallocazione del lavoro e il riequilibrio della domanda e dell’offerta saranno fattori critici nel determinare sia la crescita economica nel 2022 tanto quanto la forza e la persistenza dell’inflazione.
Sebbene alcuni vincoli alla produzione possano durare più a lungo di altri (in particolare la carenza di semiconduttori), alla fine verranno risolti, consentendo alla crescita economica di tornare al trend e di alleggerire la pressione sull’inflazione. D’altra parte, i mercati del lavoro potrebbero non tornare dove erano prima della pandemia poiché la forza lavoro complessiva potrebbe rimanere più ridotta. La produttività dovrebbe inoltre migliorare, ma ciò non avverrà immediatamente.
In definitiva, le pressioni inflazionistiche dovrebbero persistere nel 2023 e potrebbero essere abbastanza forti da costringere le banche centrali – in particolare la Federal Reserve (Fed) – a inasprire la politica prima del previsto.
In mercati timidi, la selettività è un fattore chiave
Avendo superato le aspettative negli ultimi anni, nel 2022 le azioni potrebbero avere difficoltà a generare rendimenti superiori alla media. Le serie positive per le azioni statunitensi non hanno mai superato i quattro anni1 e dato che l’economia statunitense ha riaperto dopo le restrizioni, dovute alla pandemia, prima che in altre parti del mondo, si potrebbe sostenere che la maggior parte di questo slancio di ripresa sia già avvenuta. D’altra parte, le riaperture sono ancora in corso in Europa e qui i mercati azionari, quest’anno, potrebbero finalmente recuperare un po’ di terreno perso rispetto ai loro omologhi statunitensi.
Un altro punto critico per l’asset allocation è capire se i titoli value inizieranno a invertire la loro sottoperformance. I segnali sono promettenti dato il loro divario di valutazione rispetto a quella dei titoli growth, inoltre la prospettiva di tassi di interesse più elevati potrebbe fornire una spinta ulteriore. Tuttavia, abbiamo già visto questo scenario…
Con la Fed costretta ad agire sull’inflazione, i rendimenti dei titoli di Stato dovrebbero aumentare. Tuttavia, l’aumento dei rendimenti a lungo termine sarà probabilmente contenuta da aspettative di inflazione più limitate e dagli sforzi della Fed per mantenere bassi i rendimenti reali. Nello spettro del reddito fisso, durante un ciclo di rialzo, segmenti quali il credito investment grade e high yield in generale sovraperformano i titoli di stato, sebbene la sfida degli spread bassi offra scarso potenziale per rendimenti superiori alla media. Ci saranno opportunità selettive all’interno del debito dei mercati emergenti (EM): le obbligazioni ad alto rendimento dei mercati emergenti sembrano interessanti dal punto di vista delle valutazioni, in particolare in Asia, che risente ancora delle ricadute dei problemi che interessano il settore immobiliare cinese.
Il debito privato può anche offrire un premio di liquidità interessante rispetto alle obbligazioni quotate, con un livello di rischio simile. Gli afflussi nel debito privato sono stati forti nel 2021 e dovrebbero essere alimentati dalla continua esplosione delle attività di fusioni e acquisizioni, nonché dal finanziamento delle infrastrutture alla base della transizione energetica e digitale.
I temi legati agli investimenti sostenibili rimangono interessanti
Nell’ambito degli investimenti temaciti, la sostenibilità – la transizione energetica e la sostenibilità ambientale – continuerà a essere fondamentale. Sebbene le performance per l’universo tematico ambientale siano inciampate nel 2021, le aziende di questo segmento hanno generalmente conseguito una delle stagioni degli utili più forti degli ultimi 20 anni, con una domanda che ha superato di gran lunga l’offerta. Ciò significa che le valutazioni sono tornate a livelli interessanti, in particolare per i titoli di innovazione della transizione energetica, e il 2022 potrebbe vedere una sostanziale inversione di marcia rispetto all’anno precedente.
In particolare, la recente volatilità dei prezzi del gas e dell’energia elettrica ha spinto il mondo ad accelerare la costruzione di infrastrutture per l’energia rinnovabile, inclusi l’eolico, il solare, lo stoccaggio di energia e l’idrogeno, necessari sia per decarbonizzare le economie che per raggiungere la sicurezza energetica e geopolitica. Allo stesso tempo, la crescita demografica e la volatilità climatica stanno aumentando la pressione sui sistemi alimentari globali e provocando un aumento dell’inflazione dei prezzi alimentari. Ciò potrebbe vedere gli investimenti nel ripristino delle terre e degli oceani diventare una priorità assoluta per i responsabili politici e dovrebbe essere un tema centrale per gli investitori ambientali.
In un contesto di rallentamento, la Cina potrebbe ancora presentare opportunità
Essendo la principale economia in più rapida crescita al mondo, la Cina ospita molte aziende innovative ed è sempre più considerata un mercato che merita un’allocazione degli investimenti a sé stante.
Una serie di problemi potrebbe rallentare lo slancio economico del paese nel 2022, tra questi, una più lenta crescita delle esportazioni, un’ulteriore riforma normativa in linea con l’agenda di “prosperità comune” del governo, il mercato immobiliare in raffreddamento e la politica “zero Covid”. Tutto questo determina meno chiarezza sulle prospettive di medio termine. Il ritorno dell’industrializzazione in Cina, insieme ai cambiamenti strutturali compresi i suoi sforzi “Go Green”, forse è stato trascurato.
Il settore manifatturiero ha riguadagnato il favore della politica grazie alle nuove tattiche di riforma di Pechino, con un focus sulla produzione di alto valore e tecnologia che supporta lo sviluppo strategico e high-tech del paese. Inoltre, gli sforzi della nazione per guidare l’industrializzazione verso le province povere dell’entroterra potrebbero creare uno slancio economico che attualmente non viene preso in considerazione.
Infine, gli sforzi del governo per raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2060 sono destinati ad aprire nuovi settori di crescita e opportunità di investimento per sostituire i settori al “tramonto”. La Cina ha bisogno di aggiornare la sua infrastruttura di rete elettrica e sviluppare sistemi di accumulo di energia per migliorare la fornitura e la distribuzione di energia, oltre a passare a una produzione di elettricità più verde.
La tecnologia dirompente: un processo senza tregua
I blocchi sociali ed economici causati dalla pandemia potrebbero aver innescato uno “smottamento sismico” verso la digitalizzazione del modo in cui lavoriamo, consumiamo e comunichiamo. Tuttavia, le tendenze dirompenti nella tecnologia continuano a proliferare.
L’e-commerce è cresciuto a dismisura, potenziando la pubblicità web ei servizi di pagamento elettronico. Significativamente, ha creato un boom dello stoccaggio nei magazzini fisici e automatizzati, così come nella consegna a domicilio e ci si può aspettare che più aziende integrino i loro canali fisici e online. Big data, intelligenza artificiale, analisi dei dati e sicurezza informatica sono ora visti come strumenti essenziali per aiutare a superare i complessi problemi economici, demografici e sociali che molti settori devono affrontare e le nazioni devono agire per evitare che il divario digitale nelle loro popolazioni si allarghi.
Inoltre, la prossima iterazione dell’evoluzione digitale, la tecnologia 5G, è destinata a trasformare il modo in cui utilizziamo la tecnologia. Si prevede che la sua velocità e scalabilità superiori apriranno il mercato alla connettività intelligente nelle case e nelle aziende, nonché al maggiore utilizzo di big data, intelligenza artificiale e automazione dei veicoli.
La spesa IT dovrebbe rimanere a un livello di crescita elevato nel 2022, con le aree di spesa più importanti tra cui sicurezza informatica, migrazione cloud, strumenti di collaborazione e analisi dei dati.
L’incertezza crea opportunità
Il flusso dei mercati di investimento nel 2022 può essere tempestoso, ma tale turbolenza rappresenta un’opportunità per gli investitori più astuti.
In BNP Paribas Asset Management, riteniamo che l’incertezza crei possibilità per i gestori attivi di aggiungere valore per i loro clienti, che può essere sfruttato al meglio attraverso una ricerca differenziata per generare posizioni ad alta convinzione. Investiamo costantemente in risorse per migliorare la nostra cultura e il nostro processo di sviluppo, stress test e in definitiva per tradurre le idee di investimento in posizioni significative nei portafogli.
Naturalmente, la sostenibilità rimarrà al centro della nostra agenda e del nostro processo di investimento. Ciò significa impegnarsi attivamente con le aziende per apportare un cambiamento reale, oltre a investire attivamente nei titoli.
Ci auguriamo che i nostri clienti continuino a unirsi a noi nei nostri sforzi per finanziare la transizione verso lo zero netto.
1 Sources: FactSet, BEA, BNP Paribas Asset Management

I NOSTRI PRODOTTI

I TUOI DATI

Per saperne di più su questi temi d’investimento, completa il form qui sotto.
Copy link
Powered by Social Snap