Il nuovo Presidente aprirà un nuovo capitolo per gli Stati Uniti?

Il cambiamento politico negli Stati Uniti avrà molteplici impatti sul futuro americano e globale. Ma quanto spazio di manovra avrà effettivamente Biden e come reagiranno i mercati?
Dopo una tornata di elezioni che tenuto con il fiato sospeso, il democratico Joe Biden sarà il 46 ° presidente degli Stati Uniti. Sebbene i riconteggi e le azioni legali siano ancora in corso, i mercati hanno già registrato un forte rally sulla scia di una minore incertezza. Tuttavia, l’affermazione di Biden è meno accentuata del previsto e il controllo del Congresso rimane incerto. Quali fattori, nell’era della Grande Instabilità, influenzeranno (e saranno influenzati) dalla politica americana?
Georgia on “his” mind
I democratici hanno mantenuto la maggioranza alla Camera dei rappresentanti, anche se questa si è ridotta. Ma, per mettere in atto il suo programma, Biden avrà bisogno anche del sostegno del Senato. I democratici hanno attualmente 48 senatori. I repubblicani ne hanno 50. Due seggi saranno assegnati dal ballottaggio in Georgia nel gennaio 2021. Solo se i democratici vinceranno entrambi avranno il controllo – grazie al voto decisivo assegnato al vicepresidente Kamala Harris. In ogni caso, le loro speranze per una robusta maggioranza al Senato non ci sono più, e la regola di ostruzionismo (consentendo solo 41 senatori per bloccare la maggior parte delle legislazioni) renderà le cose più difficili. In Georgia, i repubblicani sembrano avere un vantaggio ma, a causa dei recenti cambiamenti demografici, cancellare le possibilità dei democratici sarebbe prematuro.
Dall’agenda legislativa …
Ma quali sono i piani legislativi di Biden? Oltre al contenimento del virus e allo stimolo fiscale per accelerare la ripresa, Biden ha promesso spese per infrastrutture e un ampliamento della copertura assicurativa sanitaria. Le aziende e le persone ad alto reddito dovrebbero pagare più tasse, come parte di un quadro più ampio che affronta la disuguaglianza; questo può implicitamente vedere il governo giocare un ruolo più ampio nella vita dei cittadini di quanto non abbia fatto tradizionalmente negli Stati Uniti.
Altre politiche includono il salario minimo federale, la partecipazione dei sindacati alla fissazione dei salari e l’applicazione della legislazione sul lavoro esistente. Inoltre, alcuni democratici continuano a voler riesaminare l’applicazione della legge sulla concorrenza e adottare ulteriori misure per regnare al potere delle società tecnologiche e di altre fonti di influenza aziendale. In un momento come questo, in cui le variabili globali sono più interconnesse che mai, queste politiche avrebbero implicazioni di mercato significative. Ma i Democratici li supereranno davvero?
… ai primi passi esecutivi
Nel frattempo, l’attenzione si concentrerà sugli ordini esecutivi del Presidente, come le iniziative per contrastare la pandemia, il rientro nell’Accordo di Parigi e l’annullamento dell’epurazione della regolamentazione ambientale. Ma soprattutto, tutti gli occhi saranno sulle personalità che Biden sceglierà per dirigere la sua amministrazione.
Collaborazioni controverse
Biden manterrà la sua promessa di rappresentare tutti gli americani? Ha invitato i repubblicani a parlare alla convention democratica di agosto e potrebbe includerme alcuni nella sua squadra. Questo creerà scontento in alcune frange della suo partito. Il desiderio di sconfiggere Trump aveva seppellito la maggior parte dei disaccordi interni, che ora rischiano di riemergere – come brevemente accaduto durante la campagna elettorale, con il dibattito sull’urgenza di riformare la Corte Suprema.
Divisioni simili potrebbero sorgere intorno a qualsiasi riforma e il loro costo sarebbe alto, soprattutto perché la maggioranza del Senato sarà al massimo sottile. Con quanta aggressività i Democratici dovrebbero perseguire i loro obiettivi? Le scelte di Biden per dare corpo alla sua amministrazione saranno una prima risposta.
Oltre il confine
Molta attenzione sarà riservata anche agli affari esteri. Trump vedeva le alleanze e il libero scambio globale come una truffa e si vantava della sua imprevedibilità. Biden avrà un approccio più tradizionale, basandosi sulla sua lunga esperienza negli affari esteri.
Anche se rimarrà lo scetticismo sui meriti del libero scambio, non ha intenzione di applicare le tariffe a paesi come il Canada per motivi di “sicurezza nazionale”. Un approccio meno irregolare dovrebbe aiutare a rassicurare le aziende che operano e fanno affidamento su catene di fornitura globali. Ma la principale sfida della politica estera sarà il modo in cui saranno gestiti i rapporti con la Cina.
Guerra commerciale e tecnologica
Sotto l’amministrazione Trump, gli Stati Uniti e la Cina vedevano il commercio e la tecnologia in modo molto differente, a questa differenze Biden potrebbe aggiungere anche la questione relativa ai diritti umani. Tuttavia, Trump e Biden potevano anche trovarsi d’accordo su alcuni problemi, ma sicuramente no sulle soluzioni.
Sebbene ci sia un sostegno bipartisan negli Stati Uniti per una posizione più dura sulla Cina, e Pechino vede il rapporto come definitivamente spostato dalla benigna era pre-Trump, un’amministrazione Biden è percepita come una più facile da affrontare. Basato sul multilateralismo, probabilmente si opporrà agli aumenti tariffari unilaterali e li ritirerà – notizie positive per il commercio e il tasso di cambio del renminbi.
Tuttavia, i rollback non saranno facili e Biden deciderà dopo aver consultato gli alleati. Nel frattempo, la Cina offrirà condizioni favorevoli per facilitare i negoziati e adempiere ai suoi impegni nell’accordo commerciale della “fase uno”?
Inoltre, porre fine alla guerra commerciale non porrà necessariamente fine alla guerra tecnologica. C’è un forte consenso negli Stati Uniti per frenare l’accesso della Cina alle tecnologie critiche. È improbabile che Biden inverta i controlli sulle esportazioni tecnologiche di Trump: potrebbero persino aumentare, anche se con minore frequenza. Tuttavia, gestirà le questioni di sicurezza nazionale legate alla tecnologia in modo più flessibile e alcune società di entrambe le parti potrebbero ottenere una sospensione.
Relazioni diplomatiche
La posizione di Biden su Taiwan e l’area del Mare della Cina Meridionale è quello di mantenere lo status quo, pur rispettando l’One China Policy e il Taiwan Relations Act, il nuovo Presidente ha l’intenzione di rinegoziare l’accordo nucleare iraniano. Inoltre, Biden potrebbe rilanciare il dialogo strategico ed economico con la Cina e riaprire i consolati a Chengdu e Houston.
Pechino potrebbe anche provare a cooperare sul cambiamento climatico e sull’energia: Biden ha fissato un ambizioso obiettivo di US carbon neutrality entro il 2050, e Xi Jinping ha promesso lo stesso entro il 2060.
Uno sguardo ai mercati
Infine, come potrebbero questi esiti incerti influenzare i mercati? Lo stimolo fiscale farebbe aumentare il reddito, promuoverebbe la spesa e creerebbe posti di lavoro. In passato, la Federal Reserve statunitense tendeva a reagire alle espansioni fiscali aumentando rapidamente i tassi di interesse, per evitare un’epidemia di inflazione. Ma dopo la scorsa estate la politica monetaria ha esaurito le sue possibilità? Se fosse così, la crescita dipenderà esclusivamente dalla politica fiscale. L’inflazione e i rendimenti obbligazionari rimarranno probabilmente bassi e il processo di “giapponesizzazione” continuerà.
La prima reazione del mercato azionario alle elezioni è stata quella di escludere gli effetti di “un’onda blu” che avrebbe determinato impatti significativi sui comparti dell’energia, della finanza, della sanità e della tecnologia. Ma ora, con la prospettiva di modifiche legislative e regolamentari più limitate a causa dell’incertezza al Congresso, lo stimolo fiscale diventa il motore rimanente. In quali settori? E quanto sarà grande? Questi saranno i punti chiave di attenzione per gli investitori.
Inoltre, ovviamente, non possiamo dimenticare il COVID-19. Sebbene il recente annuncio di risultati del vaccino migliori del previsto abbia dato linfa alle attività di rischio, i casi di contagio sono ancora in aumento. I mercati bilanceranno i rischi a breve termine per la crescita rispetto a quelli più positivi di medio termine.
Infine, il mancato verificarsi dell’onda blu nel breve termine potrebbe anche significare nessun aumento o nuova regolamentazione fiscale immediata? I mercati potrebbero non ottenere sempre ciò che vogliono, ma a volte ottengono ciò di cui hanno bisogno.
In conclusione
Poiché l’instabilità può creare opportunità, le conseguenze di un’elezione così importante nel mondo instabile di oggi meritano molta attenzione. In BNP Paribas Asset Management, guardiamo agli investimenti da ogni angolazione. Ciò che potrebbe sembrare da un certo punto di vista una minaccia potrebbe da un altro rappresentare una reale opportunità di crescita. Ecco perché indaghiamo prima di investire e guardiamo oltre i titoli dei giornali per esplorare il buono, il brutto e il cattivo del mondo di oggi.

TEMI E SOLUZIONI

Per saperne di più sui nostri temi e le nostre soluzioni d’investimento.
Copy link
Powered by Social Snap