La Guerra globale per il tuo telecomando

Grandi stelle, budget elevatissimi, abbonati in crescita, Oscar e riconoscimenti della critica: di fronte alla telecamera, la situazione di Netflix pare rosea. Eppure, dietro le quinte, la concorrenza sta studiando il mercato e si lecca i baffi. Riuscirà Netflix a combattere gli avvoltoi e quali saranno le conseguenze della battaglia che si profila per le decisioni degli investitori?
Netflix rappresenta uno dei maggiori successi commerciali dell’ultimo decennio. Questa società oggi è presente in quasi tutti i paesi, ed è il più grande distributore di film e programmi televisivi in streaming al mondo, tanto che questo brand è diventato sinonimo di una sera di relax tra le mura domestiche. Il pubblico ama Netflix, e questo titolo è popolare anche tra gli investitori, grazie ad un modello di business in cui le entrate si basano sugli abbonamenti e ai profitti consistenti.
Gli sfidanti aumentano
Secondo numerosi osservatori, Netflix è una delle aziende che sembra definire meglio l’attuale Superstar Economy, un’epoca in cui giganti come Amazon, Facebook, Apple e Google dominano il mondo dell’impresa. Quindi l’interrogativo è il seguente: riuscirà Netflix a mantenere lo status di superstar company? A prima vista, l’impresa è ben posizionata per riuscirci, ma la situazione di mercato si fa più difficile e il quadro sempre più complesso. Amazon fa già una dura concorrenza a Netflix, sfruttando senza scrupoli i dati del suo core business per conquistare quote di mercato. Disney sta per lanciare un servizio di streaming televisivo e cinematografico in abbonamento e qualsiasi azienda che possa contare su un portafoglio di titoli con The Avengers, Luke Skywalker e Buzz Lightyear rappresenta un avversario formidabile. Apple ha annunciato il lancio di un servizio simile e si è impegnata ad investire di 1 miliardo di dollari all’anno nella produzione di programmi originali. Anche gli inglesi stanno per presentare uno sfidante, con Britbox che presto metterà a disposizione degli abbonati gli ampi cataloghi di BBC, ITV e Channel 4. Si profila all’orizzonte una guerra dei prezzi e della programmazione.
Puntare sui vincenti
Tutto ciò sottolinea una verità: le superstar company di oggi non sono necessariamente le superstar di domani. Negli ultimi due decenni, quasi la metà di tutte le cosiddette superstar è uscita dal 10% delle migliori durante il ciclo economico. Quindi, un investitore attento non solo deve guardare alle aziende che registrano le performance migliori al momento ma anche approfondire le dinamiche del mercato. Quali sono le aziende che possono aspirare allo status di superstar? Ad esempio, Facebook domina attualmente lo spazio dei social media, ma la domanda è: le aziende cinesi come Alibaba e Tencent dispongono di un potenziale maggiore e sarebbero in grado di offrire più valore agli investitori?
I nostri team di investimento effettuano un’analisi approfondita delle attuali superstar company e delle caratteristiche che le accomunano, esaminando i parametri finanziari e l’impatto che queste aziende stanno avendo sulla società e sull’ambiente. Questo ci aiuta anche a individuare le superstar del futuro, ovvero le aziende con una posizione dominante sul mercato, che si abbina a profitti elevati e ad un modello di business di lungo termine.
Ad ogni modo non si tratta solo di individuare le imprese in crescita rapida e che offrono redditività a breve termine. A nostro avviso, le aziende con il maggior potenziale siano quelle con tassi di crescita sostenibile che sfidano le tendenze del mercato e danno un contributo positivo alla società nelle aree in cui operano.
Netflix: quali sono le prospettive?
Senza dubbio per Netflix si preparano tempi duri, dato che dovrà far fronte a sfide importanti per mantenere lo status di superstar company. L’azienda, infatti, dovrà riuscire a trovare un delicato equilibrio tra mantenere/incrementare gli investimenti nella produzione di programmi originali, rimanere al contempo competitiva in termini di prezzi e soddisfare gli azionisti. La posta in gioco è alta e le imprese concorrenti sono forti e dispongono di capitali elevati da investire. I mercati staranno tutti a guardare. Prepariamo il pop corn.
I titoli sopra citati sono menzionati unicamente a scopo illustrativo. Tale indicazione non deve essere considerata una sollecitazione all’acquisto dei titoli e non costituisce una consulenza o una raccomandazione di investimento.
Copy link
Powered by Social Snap